Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza anche cookie di terze parti. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Chi Siamo  |  Contatti  |  Informazioni  | 

 
VALSASSINA

La Valsassina propriamente detta, attraversata dal torrente Pioverna, inizia dal Colle di Balisio e si distende fra prati e colline, sovrastata da montagne quali le Grigne, lo Zuccone Campelli ed il Pizzo Tre Signori, che funge da confine con la bergamasca. Il contrafforte di Baiedo divide la valle in una prima parte ampia, quasi ad anfiteatro, ed in una seconda di forma più stretta ed allungata. La presenza di detriti morenici valse alla Valsassina la sua denominazione di valle dei sassi; il Pioverna raccoglie le acque di diversi affluenti che s'incanalano fra le rocce creando effetti particolari come l'Orrido di Bellano e la Cascata della Troggia presso Introbio. Fanno parte di questa zona i comuni di: Barzio, Casargo, Cassina, Cortenova, Crandola, Cremeno, Introbio, Margno, Moggio, Morterone, Parlasco, Pasturo, Primaluna, Taceno e Vendrogno.

BARZIO

Centro turistico in posizione privilegiata sull’altopiano, Barzio è sede della Comunità Montana e punto di partenza della cabinovia per i Piani di Bobbio. Vi ha vissuto lo scultore Medardo Rosso.

CASARGO

Dominato dal monte Legnone, vanta origini antiche come testimoniano i reperti di tombe di epoca preromana ma soprattutto la chiesa di S. Margherita, splendido esempio di architettura romanica.

CASSINA

Piccolo borgo al margine orientale dell’altopiano valsassinese tra la Culmine di San Pietro e la Rocca di Baiedo, dove antico e moderno si mescolano. Caratteristica è l’antica frazione rurale di Mezzacca.

CORTENOVA

Vivace centro industriale specializzato nella lavorazione del ferro. Si segnalano la chiesa cinquecentesca di S. Fermo e Villa de’ Vecchi, splendido edificio ottocentesco purtroppo in stato di abbandono

CRANDOLA

Situato ai piedi del Monte Cimone, Crandola è una vera e propria terrazza con vista sulla Valsassina. Da non perdere la visita alla chiesa di S. Antonio Abate e all’antica frazione di Vegno. Numerosi i ristoranti che offrono ottime specialità culinarie locali.

CREMENO

Attivo centro turistico, collegato alla frazione di Maggio dal ponte della Vittoria, suggestivo ponte ad una sola arcata a strapiombo sul Pioverna. Da visitare la chiesa di S. Maria Nascente a Maggio.

INTROBIO

Vivace centro industriale e commerciale. Dell’originario borgo resta solo l’antica torre, dell’XIXII secolo; da vedere gli interni delle chiese di S. Michele e S. Antonio Abate e la prestigiosa Villa Migliavacca.

MARGNO

Mantiene intatte le caratteristiche di un antico borgo fortificato. La chiesa di S. Bartolomeo presenta pregevoli affreschi. è collegata tramite la funivia alla località turistica di Pian delle Betulle.

 

MOGGIO

Grazioso centro turistico di villeggiatura, è collegato da una funivia ai Piani di Artavaggio. con molte seconde case. Meritano di essere visitate la chiesa di S. Francesco d’Assisi e il Museo liturgico etnografico.

MORTERONE 

Famoso per essere il comune più piccolo d’Italia, Morterone è un borgo immerso nel verde, adagiato sul versante orientale del monte Resegone. Un museo “open air” ospita numerose sculture d’arte moderna.

DA NON PERDERE:

Museo di Arte Contemporanea all'Aperto

PARLASCO

Si narra che una delle numerose fortificazioni situate nel territorio di Parlasco fosse il covo di Lasco, bandito della Valsassina. Le raffigurazioni delle imprese di Lasco, rappresentate nel 2007 su alcune facciate, sono valse a Parlasco l’appellativo di ‘borgo dipinto’.

PASTURO

Snodo difensivo importante per la Valsassina nel XV sec. per la rocca di Baiedo, è importante centro di produzione di formaggi. Nell’antico nucleo si possono ancora ammirare case rustiche con arcate, colonne e loggiati in legno, tipici dell’architettura contadina.

PRIMALUNA

Situato alle pendici del monte Olino, dalla metà del secolo scorso ha sviluppato una fiorente industria artigiana. Si consiglia una visita ai tre Santuari mariani.

TACENO

Passeggiando per il paese, oltre alla chiesa si S. Maria Assunta e il suo organo a 619 canne, si possono ammirare gli affreschi che raccontano gli antichi mestieri. La vicina località di Tartavalle fu una apprezzata stazione termale tra l’800 e il ‘900.

VENDROGNO

Sospeso tra il Lario e la Valsassina, è celebre per le sue ben 13 chiese ed è sede del museo del latte e della storia della Val Muggiasca.